Italia deferita alla Corte Ue per l'arsenico nelle acque del Lazio

A Bagnoregio e Fabrica di Roma superati anche i livelli di fluoruro

Redazione ANSA

BRUXELLES  La Commissione ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di giustizia per mancato rispetto della direttiva sull'acqua potabile, "poiché da molto tempo in alcune zone della provincia di Viterbo, in Lazio, i livelli di arsenico e fluoruro nell'acqua potabile superano i valori parametrici stabiliti dalla direttiva sull'acqua potabile: ciò può danneggiare la salute umana, in particolare quella dei bambini".

Sono 6 le zone con livelli di arsenico eccessivi: Bagnoregio, Civitella d'Agliano, Fabrica di Roma, Farnese, Ronciglione e Tuscania. A Bagnoregio e Fabrica di Roma sono state inoltre superate le soglie di sicurezza per il fluoruro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie