Vertice mondiale sull'istruzione, impegno Ue per 1,7 mld

Von der Leyen, sia un diritto universale

Redazione ANSA

BRUXELLES -  Al Global Education Summit di Londra, l'Unione Europea e i suoi Stati membri, come Team Europe, hanno promesso 1,7 miliardi di euro nella Global Partnership for Education (Gpe) per aiutare a trasformare i sistemi educativi per più di un miliardo di ragazze e ragazzi in un massimo di 90 paesi e territori. Questo rappresenta il maggior contributo al Gpe. Lo annuncia una nota dell'esecutivo comunitario precisando che l'Ue aveva già annunciato a giugno il suo impegno di 700 milioni di euro per il 2021-2027.

L'Unione europea era rappresentata al vertice da Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, e Jutta Urpilainen, commissaria per i partenariati internazionali. I loro interventi hanno evidenziato l'impatto della crisi Covid-19 sull'istruzione dei bambini in tutto il mondo e la determinazione dell'Ue e dei suoi Stati membri ad agire. ""L'istruzione è l'infrastruttura più basilare per lo sviluppo umano. Lettura, scrittura, matematica, logica, abilità digitali, comprensione della nostra vita.

Non importa in quale continente si vive. L'istruzione dovrebbe essere un diritto veramente universale", ha detto von der Leyen. "Ecco perché l'Unione europea investe nella cooperazione internazionale per l'istruzione più del resto del mondo messo insieme. E stiamo intensificando gli sforzi in questi tempi straordinari", ha aggiunto la presidente della Commissione europea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: