Legge Ue clima: Evi, target insufficienti

L'eurodeputata dei Verdi europei, lontani dalle richieste del Pe

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 10 MAG - "Un oltraggio alle aspirazioni iniziali del Parlamento europeo e a quelle della società civile". Così Eleonora Evi, eurodeputata di Europa Verde, commenta l'approvazione da parte della commissione ambiente dell'Europarlamento dell'accordo sulla legge per il clima, che rende vincolanti i target clima Ue (-55% emissioni) per il 2030 e 2050 (neutralità climatica). "Siamo lontani anni luce sia dalle richieste iniziali del Parlamento, sia dalla riduzione del 65% delle emissioni ritenuto necessario dalla comunità scientifica per mantenere l'aumento del riscaldamento globale entro 1.5 gradi centigradi - attacca Evi - così com'è, l'accordo è del tutto insufficiente ad affrontare la crisi climatica come professato dal Green deal europeo".

"E c'è di più" - prosegue - "l'obiettivo del 55% non è reale, perché nel conteggio delle emissioni si tiene conto anche della capacità di assorbimento di suoli e foreste, di fatto riducendo la percentuale ad un misero 52,8% di effettive riduzioni di gas serra". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: