Polonia: Bonafé (Pd), Ue non è un matrimonio di convenienza

'Sentenza Corte rischia di spingere il paese fuori dall'Unione'

Redazione ANSA STRASBURGO
(ANSA) - STRASBURGO, 19 OTT - "Primo Ministro, la sentenza della Corte Costituzionale polacca rappresenta un gravissimo ed inedito precedente, che non può rimanere senza conseguenze e che rischia di spingere seriamente il paese fuori dall'Unione Europea". Così l'europarlamentare del Partito democratico e vicepresidente del Gruppo S&D Simona Bonafé, durante il dibattito in Plenaria a Strasburgo sullo stato di diritto in Polonia.

"La decisione della Corte polacca è solo l'ultimo affronto in ordine di tempo, prima l'attacco allïindipendenza della magistratura, poi le leggi contro la libertà di informazione, i diritti delle donne e della comunità Lgbt+", continua l'eurodeputata.

"L'Europa non è un matrimonio di convenienza per avere fondi generosi, ma una comunità di destino che si basa su valori e principi condivisi, che non possono venire meno, a meno che non si voglia far venir meno lo stesso progetto comune europeo. E noi non lo permetteremo", conclude Bonefè. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: