Carige: Ccb non la compra

Gruppo trentino si chiama fuori per 'aleatorietà della pandemia'

Cassa Centrale Banca ha formalizzato al consiglio del Fondo interbancario di tutela dei depositi e al consiglio di gestione dello Schema Volontario l'intenzione di non procedere all'acquisto della quota dell'80% detenuta in Banca Carige. La decisione è stata motivata dal consiglio di Ccb con la "aleatorietà della pandemia sul mercato, la sua imprevedibile evoluzione e i rischi connessi a questo eccezionale scenario". Lo comunica una nota. Il Fitd e lo Schema Volontario ribadiscono il proprio impegno nel sostegno dell'istituto ligure e nella ricerca di una business combination "in grado di valorizzare le potenzialità della banca". 

Spiega nel dettaglio la nota del Fitd che consiglio del fondo e dello Sv, riunitisi in data odierna, "hanno preso atto" di quanto comunicato da Cassa Centrale Banca, "con largo anticipo sui termini previsti, in ordine alla decisione del proprio consiglio di non procedere all'esercizio dell'opzione di acquisto della partecipazione".

"Alla luce di questa decisione, il Fondo e lo Schema Volontario - aggiunge - hanno confermato il proprio pieno e convinto impegno nel sostegno di Banca Carige e nella ricerca di una business combination con altri potenziali partners in grado di valorizzare le potenzialità della banca, l'importante lavoro svolto dai suoi organi e da tutta la struttura ed i significativi risultati conseguiti nelle pur avverse condizioni derivanti dalla crisi pandemica in atto".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      MyWay Autostrade per l'Italia
      Vai al Canale: ANSA2030



      Modifica consenso Cookie