Baby imprenditrice, investito tutto ciò che avevo, aiutatemi

La genovese Ilaria aveva puntato sul catering, chiusa da 13 mesi

(ANSA) - GENOVA, 13 APR - Ilaria è poco più che una ragazza e quando si avvicina al microfono montato in piazza della Vittoria a Genova, piazza collegata in streaming con piazza San Silvestro a Roma dove si svolge l'assemblea straordinaria della Fipe-Confcommercio, non dice il suo cognome. Perché lei 'è' la sua storia. Poche timide parole prima di abbandonare il proscenio affollato dai vertici della Fipe di tutta la regione.
    E la sua storia, in mezzo a quella di tanti ristoratori famosi, è questa qua.
    "Ho investito tutti i miei risparmi in una piccola società di catering - ha detto, stringendosi nella giacca del tailleur - ma l'ho fatto poco prima che esplodesse la pandemia. Ci avevo investito tutte le forze e le risorse. E siamo completamente chiusi da 13 mesi". Il catering è il settore che ha più sofferto rispetto a quello della ristorazione perché non si fanno più eventi in Italia, né matrimoni, né cerimonie pubbliche. "Non riusciremo a riaprire in giugno - dice piano - siamo in ginocchio e i debiti aumentano". I ristori non sono sufficienti. E' necessario, dice "avere un 'piano B'. Se ci avessero detto 'tra due mesi è tutto finito' ce l'avremmo fatta, anche emotivamente. Ma qui davvero c'è improvvisazione, ed è quella che ci distrugge: ci danno la zolletta di zucchero dei vaccini poi ci dicono che non si possono usare. E' il tira-e-molla che distrugge. Non capiamo perché non si riesca a trovare un modo che ci possa davvero aiutare. O ci danno soldi per davvero, oppure non ce la possiamo fare". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        MyWay Autostrade per l'Italia
        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie