Morta dopo asportazione neo: concessi domiciliari a medico

Giudici, 'era a conoscenza delle possibili conseguenze'

(ANSA) - GENOVA, 13 MAG - Il tribunale del Riesame di Genova ha concesso gli arresti domiciliari a Paolo Oneda, il medico di Brescia, arrestato a fine aprile insieme al "santone" Paolo Bendinelli per la morte di Roberta Repetto, l'insegnante di yoga, devastata dalle metastasi dopo l'asportazione di un neo presso il centro Anidra a Borzonasca. La donna, 40 anni, era stata curata per due anni con tisane zuccherate e meditazione fino al decesso, il 9 ottobre 2020.
    I giudici, nelle motivazioni con cui hanno accolto le richieste dei difensori di attenuazione della misura cautelare, hanno sottolineato come Oneda fosse "perfettamente a conoscenza delle possibili conseguenze derivanti da un nevo sanguinante, asportato in maniera irrituale. Infatti, Oneda, nonostante tale consapevolezza, dolosamente, ha effettuato l'intervento senza rispettare alcun tipo di protocollo sanitario".
    Per i giudici, il medico aveva "l'obbligo giuridico di informare correttamente la paziente delle possibili conseguenze derivanti dall'asportazione del nevo. Doveva non effettuare l'intervento ben sapendo che in tal modo avrebbe pregiudicato a Roberta la possibilità di fare una diagnosi che le avrebbe potuto salvare la vita".
    "Tale condotta omissiva - prosegue il Riesame - protrattasi nel tempo è stata sorretta da un dolo vieppiù intenso e non solo eventuale. La condotta tenuta dal medico è quanto di più distante possibile vi possa essere da quella che un medico avrebbe dovuto tenere in una situazione quale quella in cui si trovava Roberta". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      MyWay Autostrade per l'Italia
      Vai al Canale: ANSA2030



      Modifica consenso Cookie