Responsabilità editoriale Obiettivo Europa

Programma CERV (Citizens, Equality, Rights and Values): bando per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e della violenza contro i bambini

Ente promotore: Commissione Europea (DG JUST) - Programma CERV (Citizens, Equality, Rights and Values) | Scadenza: 15 giugno 2021

Dallo scoppio della pandemia e soprattutto durante i lunghi periodi contrassegnati dalle misure di emergenza, si è verificato un aumento dei casi di violenza domestica su donne e bambini (sia in qualità di vittime che di testimoni di violenza). Si è inoltre verificato un aumento del rischio di esposizione ad abusi e sfruttamenti online.

La violenza di genere risulta profondamente radicata nella società e rappresenta ad oggi una delle maggiori sfide che ci troviamo ad affrontare. Questo fenomeno, in tutte le sue forme, rimane infatti sottostimato e trascurato sia all'interno che all'esterno dell'UE.

La pandemia COVID-19 ha ulteriormente evidenziato le disparità di genere già esistenti e ha avuto un effetto sproporzionatamente negativo soprattutto sulle donne: in tutti gli Stati membri dell'UE è stato registrato un aumento della violenza domestica ai danni delle donne. La pandemia Covid-19 è stata particolarmente dura anche per i bambini, in particolare quelli che già si trovavano in una situazione di vulnerabilità (ad esempio bambini in custodia, bambini con disabilità, bambini in stato di povertà, bambini migranti).

L'UE si è assunta la responsabilità di fare tutto il possibile per prevenire e combattere la violenza di genere e quella contro i bambini e sostenere e proteggere le vittime e i sopravvissuti a tali crimini.  

La strategia dell'UE sull'uguaglianza di genere fissa infatti obiettivi di policy ambiziosi e azioni per contrastare la violenza di genere, mettendo a disposizione finanziamenti per sostenere la società civile e i servizi pubblici nella prevenzione e nella lotta alla violenza di genere. La strategia dell'UE sui diritti del bambino ha istituito un nuovo quadro politico per garantire la protezione dei diritti di tutti i bambini, ivi compresi quelli vittima di violenza.

In questo contesto, il bando si concentra su due priorità specifiche:

  • la prima priorità mira ad affrontare le sfide emerse dalla pandemia Covid-19 e le misure di sicurezza e protezione messe in atto in relazione ad essa
  • la seconda priorità riguarda l’aspetto della mascolinità e il coinvolgimento di uomini e ragazzi nelle azioni di prevenzione della violenza di genere

Più nello specifico, il bando è finalizzato a:

1. prevenire e combattere a tutti i livelli tutte le forme di violenza di genere contro le donne e le ragazze, inclusa la violenza domestica, anche promuovendo gli standard stabiliti nella Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica (la Convenzione di Istanbul);

2. prevenire e combattere tutte le forme di violenza contro i bambini, i giovani, nonché la violenza contro altri gruppi a rischio, come le persone LGBTIQ e le persone con disabilità;

3. sostenere e proteggere tutte le vittime (dirette e indirette) di violenza, con particolare riguardo alla violenza domestica esercitata all'interno della famiglia o alla violenza nelle relazioni intime, ad azioni a sostegno dei bambini resi orfani da crimini domestici, e sostenere e garantire lo stesso livello di protezione in tutta l'Unione per le vittime di violenza di genere.

Dotazione finanziaria complessiva: € 17.700.000

Consulta la scheda completa del bando su Obiettivo Europa

Responsabilità editoriale di Obiettivo Europa.
Per leggere l'articolo completo, registrati su Obiettivo Europa, per attivare il periodo di consultazione gratuita per 15 giorni.