Pensioni: Ente medici, assegno 'rinforzato' a 3.000 iscritti

Enpam, aumenti a maggio e giugno per chi lavora dopo quiescenza

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 12 APR - Buone notizie per più di "3.000 medici e dentisti che hanno continuato la libera professione dopo il pensionamento", giacché "sono in arrivo ulteriori aumenti e conguagli sull'assegno mensile": gli interessati, fa sapere la Cassa previdenziale dei 'camici bianchi' (Enpam) sul suo sito, dai ricalcoli "rientrano in due casistiche". Nella prima, si sottolinea, "ci sono 1.600 pensionati che ad aprile hanno già ricevuto l'aumento e gli arretrati relativi all'attività libero-professionale svolta nell'anno 2017, ma che devono ora ricevere anche gli aumenti e gli arretrati relativi al 2018 e al 2019", mentre "il secondo gruppo è costituito all'incirca da altrettanti pensionati che, in passato, hanno optato per pagare la 'Quota B' (l'aliquota per i proventi dalla libera attività lavorativa, ndr) tramite domiciliazione bancaria in cinque rate (con le ultime due, quindi, pagate nell'anno successivo rispetto alla scadenza ordinaria)", dunque, "nel loro caso verranno pagati gli aumenti e i conguagli relativi all'attività libero-professionale svolta fino al 2018". Per quanto riguarda l'attività svolta nel 2019, poiché gli ultimi contributi di 'Quota B' sono ancora in corso di pagamento, gli aumenti decorreranno da gennaio prossimo, si legge sul portale dell'Ente. I medici ed i dentisti in quiescenza che rientrano in tali gruppi "riceveranno i pagamenti con la pensione in arrivo a inizio maggio o con quella di giugno", si chiude l'informativa sul sito dell'Enpam. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


    Modifica consenso Cookie