Professioni

Welfare: dottori commercialisti, 5% dell'avanzo per iscritti

Cassa previdenza ottiene ok ministeri, più iniziative assistenza

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 14 LUG - Un welfare più 'robusto' a beneficio degli iscritti alla Cassa dottori commercialisti: è giunto, infatti, dai ministeri vigilanti il via libera alla "delibera votata dall'Assemblea dei delegati il 6 ottobre scorso che porta dal 2% al 5% la quota dell'avanzo di amministrazione destinabile al fondo per lo sviluppo di iniziative assistenziali con l'obiettivo di incrementare gli strumenti di welfare, di sostenere gli iscritti nella fase attiva della loro attività professionale e di offrire nuove forme di assistenza utili a fronteggiare i rischi connessi all'avanzare dell'età anagrafica". L'annuncio è stato dato oggi dal presidente Stefano Distilli, durante l'Assemblea dei delegati a Roma, a Villa Miani, in occasione dell'undicesima edizione del Forum In previdenza "Non c'è più il futuro di una volta. Disegnare e costruire il welfare di domani". Per il vertice dell'Ente è "una tappa importante nel percorso di ampliamento dell'offerta di servizi agli iscritti, in una logica che punta sempre più al sostegno, non solo nell'affrontare situazioni di difficoltà, ma anche nell'investire sulla propria crescita professionale, mettendo a disposizione soluzioni in grado di offrire un supporto concreto, contenendone i costi i costi, dal momento che, come Cassa - chiosa Distilli - possiamo sicuramente contare su un potere contrattuale molto più alto, rispetto al singolo individuo". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie