Puglia
  • Morto durante rissa:funerali, grido dolore ci renda migliori

Morto durante rissa:funerali, grido dolore ci renda migliori

Don Paolo Candeloro, 'basta violenza nella nostra città'

(ANSA) - BARI, 08 SET - "La morte di Paolo oggi ci interpella, deve chiederci che tipo di vita stiamo vivendo. Se ci stiamo sforzando di vivere gesti concreti di bene e di verità. Ci dobbiamo impegnare a tirar fuori da noi il bene, non la cattiveria, la violenza". Lo ha detto don Paolo Candeloro durante l'omelia ai funerali di Paolo Caprio, il 41enne ucciso domenica notte in una stazione di servizio a Bitonto, nel Barese, durante un litigio.
    "La morte di Paolo ci chiede di cambiare il nostro modo di vivere - ha continuato don Paolo - . Non abbiamo bisogno di belle parole ma di gesti che dobbiamo rendere concreti nella vita di ogni giorno, nelle nostre famiglie, sul posto di lavoro, nella nostra città. Non si può rimanere ancora una volta indifferenti. Dobbiamo credere che dentro di noi c'è del bene e dobbiamo tirarlo fuori. La morte di Paolo ci dona questo invito a migliorarci. E' una morte che deve scuoterci dentro e non ci deve far perdere tempo, come cittadini e come cristiani".
    Il sacerdote ha parlato dei "grido che si eleva dai familiari di Paolo così forte che ci interpella tutti, che esprime tutta la nostra sofferenza e incredulità ed è un grido che oggi ciascuno di noi deve lasciar cadere nella propria coscienza. Un grido che non si può lasciare nell'indifferenza. E' una momento che scrive anche la nostra storia cittadina. Abbiamo ancora negli occhi e nel cuore l'esperienza di Anna Rosa Tarantino, Paolo si aggiunge a questo elenco, ma ora basta. Il grido di oggi sia pieno di speranza per il domani perché possiamo diventare persone migliori". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie