Sicilia
  • Denise: il percorso del giorno della scomparsa e l'auto sulla quale avrebbe viaggiato

Denise: il percorso del giorno della scomparsa e l'auto sulla quale avrebbe viaggiato

La macchina in Via Rieti a Mazara Del Vallo

PALERMO, 22 MAG - Ripartono esattamente da dove erano cominciate 17 anni fa le indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone, la bambina rapita davanti alla sua abitazione a Mazara Del Vallo. E ripartono ancora una volta dalla principale indiziata, Anna Corona - ex moglie di Pietro Pulizzi, attuale marito di Piera Maggio e padre biologico di Denise - la cui posizione era già stata archiviata. La donna è la madre di Jessica Pulizzi, processata e assolta in via definitiva dall'accusa di sequestro di persona. Adesso Anna Corona sarebbe nuovamente indagata per lo stesso reato insieme a un altro personaggio già coinvolto inizialmente nelle indagini, Giuseppe Della Chiave. La notizia della loro iscrizione nel registro degli indagati è stata data nel corso della trasmissione Quarto Grado, andata in onda su Rete 4. L'indiscrezione non ha trovato conferme ufficiali dalla Procura di Marsala, che nei giorni scorsi aveva riaperto l'inchiesta e che sta nuovamente analizzando alcune intercettazioni. Le indagini si erano subito concentrate su Anna Corona dopo che la mamma di Denise, Piera Maggio, aveva rivelato agli inquirenti che la bimba era figlia naturale di Piero Pulizzi e non del marito Toni Pipitone. Proprio per questo motivo sia l'ex moglie di Pulizzi sia la figlia Jessica avrebbero nutrito un forte risentimento nei confronti della donna, ritenuta responsabile della fine del matrimonio. Gli investigatori erano subito andati nell'abitazione di Anna Corona per un sopralluogo, ma incredibilmente la donna li aveva ricevuti nell'appartamento di una vicina di casa al piano terra, mentre lei abitava al primo piano.

Quell'edificio di via Pirandello è stato ispezionato solo nei giorni scorsi, 17 anni dopo il sequestro, alla ricerca di una stanza segreta o di una botola dove la bimba potesse essere stata nascosta. Davanti ai giornalisti che in questi giorni sono tornati nuovamente a intervistarla Anna Corona si è difesa sostenendo di essere vittima di un "processo mediatico" ed ha aggiunto: "Io e le mie figlie ci possiamo permettere di camminare a testa alta a Mazara del Vallo, non abbiamo nulla da nascondere e nulla da farci perdonare". E il suo legale, l'avvocato Gioacchino Sbacchi, che è stato anche difensore di Giulio Andreotti, dice di avere appreso la notizia della presunta iscrizione nel registro degli indagati dalle televisioni. "A noi non risulta. Chiederemo ufficialmente alla Procura se effettivamente sono state riaperte le indagini". Giuseppe Della Chiave, altro personaggio già finito nell'inchiesta, e' nipote di Battista Della Chiave, il testimone sordomuto, oggi deceduto, che aveva rivelato di aver visto la piccola Denise in un capannone di Mazara del Vallo in braccio al nipote. Secondo il racconto di Battista Della Chiave, la bimba dopo essere stata rapita sarebbe stata portata con un motorino verso un molo, avvolta in una coperta, prima di essere caricata su una barca.

La testimonianza di Della Chiave, raccolta dall'avvocato Giacomo Frazzitta, legale della famiglia di Denise, era stata aspramente contestata dai suoi familiari che avevano sostenuto come l'uomo non conoscesse il linguaggio dei segni. Davanti ai magistrati, con l'ausilio di un consulente, il testimone si era poi avvalso della facolta' di non rispondere. Nei giorni scorsi l'avvocato Frazzitta ha ricevuto una lettera anonima, consegnata alla Procura di Marsala. 

L'autore della lettera anonima ha un nome e un volto, scrive il quotidiano online Livesicilia. Il penalista, Giacomo Frazzitta, aveva lanciato un appello a farsi vivo, all'autore della missiva. I due si sarebbe incontrati nello studio del legale e l'uomo avrebbe raccontato di aver visto Denise in macchina con tre persone il giorno della scomparsa. Secondo la sua ricostruzione, la bambina piangeva e chiedeva aiuto chiamando la mamma. L'uomo è rimasto in silenzio finora per paura di ritorsioni. 

Sulla scomparsa di Denise, ancora avvolta nel mistero, la Procura di Marsala ha recentemente aperto una inchiesta a carico di Anna Corona, ex moglie del padre naturale della bimba, e di Giuseppe Della Chiave, nipote di Battista Della Chiave, il testimone sordomuto, oggi deceduto, che aveva rivelato di aver visto la piccola in un capannone di Mazara del Vallo in braccio al familiare intento a fare una telefonata.

FOTO ANSA / Carmelo Sucameli

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie