Mostre: Palermo vista con lo sguardo di tre artisti

Si inaugurerà il 15 maggio ai Cantieri Culturali della Zisa

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 14 APR - Tre artisti, di tre diverse nazionalità per raccontare il capoluogo della Sicilia , dallo stesso punto di vista ma ognuno con il proprio sguardo. E' Palermo Panorama, la mostra collettiva di Valerie Krause, Carmelo Nicotra e Timothée Schelstraete, promossa dal Goethe-Institut Palermo e Institut français Palermo con il sostegno del Fondo Eliseo, organizzata in collaborazione con il Verein Düsseldorf-Palermo e.V. e a cura di Alessandro Pinto e Serena Fanara, che si inaugurerà sabato 15 maggio, dalle 11 alle 18 - e fino al 26 giugno- all'Haus der Kunst dei Cantieri Culturali della Zisa.
    "La mostra - affermano i promotori - è il risultato di una residenza artistica promossa nell'ambito dell'avviata collaborazione tra i due istituti di cultura, che nel settembre 2020 ha visto la presenza contemporanea a Palermo dei tre artisti di diverse nazionalità: tedesca, italiana e francese .
    Provenienti da diversi Paesi, e da diversi ambiti delle arti visive, gli artisti sono stati scelti per la loro sensibilità nell'interagire con i luoghi, come presupposto per un'indagine visiva sulla città di Palermo che è partita proprio dai Cantieri Culturali della Zisa, -il vasto complesso di archeologia industriale riconvertito in polo culturale al centro di uno dei quartieri simbolo della città -dove hanno condiviso per un mese il padiglione dell'Haus der Kunst, come spazio di lavoro".
    In un legame ideale, con il "Panorama von Palermo", di Karl Friedrich Schinkel, il celebre quadro panoramico circolare dalle enormi dimensioni, che l'architetto e pittore dipinse dalla terrazza di un edificio della Zisa, "fotografando" la città, ciascun artista ha restituito un'immagine personale e potente di Palermo, interpretandone con il proprio linguaggio artistico suggestioni e visioni, dallo stesso comune punto di osservazione: la Zisa.
    Per secoli parco oltre le mura cittadine con il suo Castello normanno, e le ville della felice stagione del Liberty palermitano, oggi quartiere in cui coesistono realtà sociali, culturali, ma anche architettoniche diverse - la forte presenza multietnica le vivaci vie-mercato, gli edifici realizzati durante il boom edilizio degli anni '60 e zone più degradate con un alto tasso di dispersione scolastica.
    "Da questo contesto, una Palermo ferita e narcotizzata dalla pandemia da Covid, prende le mosse l'attività dei tre astisti, che ne analizzano le architetture, le secolari idiosincrasie strutturali, interpretando la città come un dispositivo ottico nel tentativo illusorio di poterne cogliere un'immagine univoca.
    L'esperienza di residenza dimostra al contrario, la crisi di una visione totalizzante e omnicomprensiva che non può realizzarsi mai come sintesi di un luogo e di una città", sottolineano gli organizzatori. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie