Sisma&Ricostruzione

Terremoto: sopralluogo Arquata, demolizioni per ricostruire

Domani ci saranno Regione, Usr, Comune, Soprintendenza, Esercito

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO, 06 OTT - "Da una parte la politica infrastrutturale in netta accelerazione, con gli obiettivi puntati soprattutto (ma non solo) sulla Salaria. Dall'altra la ricostruzione post sisma, arrivata ad una fase decisiva in quel di Arquata del Tronto" in provincia di Ascoli Piceno. La Regione Marche dà conto di una "giornata molto importante" domani: in mattinata, il sopralluogo, con l'assessore alla ricostruzione Guido Castelli, nel borgo devastato dal terremoto con la Struttura commissariale, ai tecnici dell'Ufficio Speciale per la Ricostruzione, la Soprintendenza e il Comune. Con loro, una componente dell'Esercito Italiano: al centro dell'incontro, le demolizioni da mettere in atto nel centro storico del paese, dove si sta avviando la fase operativa dell'ordinanza speciale che inquadra gli interventi di ricostruzione ad Arquata. Nel pomeriggio, invece, focus ad Acquasanta Terme, dove al centro del tavolo c'è la valutazione del progetto di ristrutturazione di un tratto della strada Salaria, una delle arterie fondamentali del cratere sismico, nello specifico quello che unisce la cittadina termale alla frazione di Favalanciata. Oltre alla Regione, ci saranno Fulvio Soccodato (Commissario straordinario di Governo per la Salaria) e i rappresentanti del Comune, tra cui il sindaco Sante Stangoni. "Un intervento che va ad aggiungersi ad una lista già corposa, tutta incentrata sulla parte marchigiana del cratere -spiega Castelli-. Sulla Salaria, entro due anni verrà portata a termine la variante che unisce Quintodecimo di Acquasanta a Trisungo di Arquata, per un importo di 141 milioni. Ci sono poi 25 milioni per l'adeguamento e la messa in sicurezza del tratto di Salaria all'altezza di Mozzano, frazione del comune di Ascoli dove si registra un altissimo tasso di incidentalità e dove verrà realizzata anche una rotatoria". "Il nostro impegno è chiaro, ed in costante sinergia con Struttura commissariale ed Anas - continua l'assessore-. Entro il 2026, gli oltre 100 milioni di euro che la Regione ha chiesto di inserire nel nuovo 'Pacchetto Sisma', con quattro distinte azioni, vedranno traduzione concreta. Parlo della progettazione e della realizzazione del primo stralcio per i tratti Caldarola-Sarnano (36 milioni), Sarnano-Amandola (24 milioni) e Amandola-Servigliano (36 milioni), oltre ai 6 milioni per la progettazione del collegamento tra Ascoli e Teramo. Opere dalla grande valenza, fondamentali per connettere in maniera più efficace l'entroterra". "L'assessore regionale Baldelli mi ha informato che Rfi intende sviluppare lo studio di fattibilità del collegamento ferroviario Ascoli-Roma - riferisce inoltre Castelli-. Dopo anni di stasi, abbiamo impresso un'accelerazione senza precedenti alla politica infrastrutturale del sud delle Marche. Lo avevamo detto, lo stiamo facendo". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie