Cultura

Moda: Tod's, da safari a eleganza metropolitana

Gommino diventa Leitmotiv, dalle sneaker alle giacche

(ANSA) - MILANO, 19 GIU - "Quello che è bello è sempre buono e utile" dicono i giovani attori protagonisti del film girato sotto il sole accecante dell'estate toscana, nell'architettura stile 'Stargate' delle cantine Petra di Suvereto disegnate da Mario Botta, con cui Tods presenta oggi a Milano la collezione per il prossimo anno.
    "Sono partito dal concetto di eleganza, nel tentativo di rendere lo sport sofisticato e di sottolineare il legame tra l'uomo e la natura" racconta il direttore creativo Walter Chiapponi, spiegando di essersi ispirato al celebre fotografo americano Peter Beard e al suo modo unico di mescolare il mondo del safari con l'eleganza metropolitana. Parte da questa sintesi di casual e lusso la rivisitazione dei codici Tod's, a partire dal celebre gommino, che diventa il Leitmotiv delle toppe in vacchetta delle giacche color avorio, esplode nella suola delle nuove sneakers, diventa la nuova scarpa da esploratore dalla foggia virile, si fa vissuto nel mocassino morbido come una pantofola e torna persino nel sandalo da portare con il calzino. Una nuova ossessione che va di pari passo con quella per la T del logo che, sulle tasche in pelle delle camicie e sulle nuove borse safari in canvas e vacchetta, si accompagna all'immagine di un leone proposta come un ricamo araldico.
    "Un classicismo casual e lavorato" dice Chiapponi, che per l'abbigliamento è partito dal concetto di uniforme, ma anche da quello di tuta, poi dispiegato in completi di popeline sovratinto dai colori sbiancati dal sole, camicie da lavoro nei tessuti tipici dei trench, blouson in pelle, giacche con coulisse in vita e tasche in pelle, sahariane in chambray, anorak in suede e maglie in cotone. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie