Economia

Borsa: Europa sale con Wall Street, occhi su Fed, Milano +1%

Spread scende sotto i 99 punti, salgono greggio, ferro e acciaio

(ANSA) - MILANO, 22 SET - Si mantengono positive le principali Borse europee dopo l'avvio in rialzo degli scambi Usa. In serata la Fed comunica la propria decisione sui tassi, pubblica le proprie previsioni economiche e annuncerà le proprie mosse in tema di stimoli all'economia. Il mercato si aspetta un taglio degli acquisti di titoli obbligazionari non subito, ma entro la fine dell'anno. Scende sotto quota 99 punti (98,9 punti per la precisione) il differenziale tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento annuo dei titoli decennali in ribasso di 3,1 punti allo 0,662%.
    Sale il greggio (Wti +1,9% a 71,83 dollari) in attesa delle scorte settimanali Usa secondo l'Eia, che dovrebbero confermare le anticipazioni di ieri dell'Api, l'American Petroleum Institute, con un calo di 6,1 miliardi di barili, quasi triplo rispetto alle stime. In forte rialzo anche il ferro (+6,46% a 683,5 dollari la tonnellata) e l'acciaio (+1,84% a 5.632 dollari la tonnellata), mentre il dollaro, stabile a 1,17 sull'euro, prende quota a 1,36 sulla sterlina.
    Gli acquisti si concentrano sui petroliferi Bp (+3,5%), TotalEnergies (+3,35%) e Shell (+2,42%). Sugli scudi in in Piazza Affari Tenaris (+5,2%), che produce tubi in acciaio per gli oleodotti, Saras (+6,32%), Eni (+2,96%) e Saipem (+1,58%).
    Acquisti sugli estrattivo-minerari Glencore (+4,13%), Anglo American (+3,4%) e Rio Tinto (+2,73%), insieme ai siderurgici ArcelorMittal (+4,24%) e ThyssenKrupp (+3,27%). Rimbalzano i titoli del lusso, da Moncler (+3,6%) a Kering (+2,44%) e Richemont (+2,26%), mentre in campo automobilistico si evidenziano Daimler (+3,42%) e Stellantis (+2,4%), a differenza di Ferrari (-0,57%). Bene anche Volkswagen (+2,1%), debole invece il produttore di microprocessori Asm (-1,29%), a differenza di Strm (+0,5%). In campo bancario corrono Unicredit (+2,8%), Hsbc (+4,77%), Bnp (+3,66%) e Santander (+3,17%).
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie