Economia

Banche:Fabi, 60% Npl da prestiti a grandi aziende, industrie

Solo 126 soggetti pesano su bilanci per 3 mld

 "Sono i gruppi industriali e le grandi aziende a pesare, coi prestiti non rimborsati, sui bilanci delle banche italiane, ma i piccoli debitori (famiglie, partite Iva, piccole e medie imprese) hanno avuto maggiori difficoltà, nell'anno del Covid, a saldare le rate". E' quanto afferma un'analisi della Fabi sui dati a marzo 2021. "Il 4,39% dei clienti è "responsabile" del 60% delle rate non pagate" di prestiti superiori ai 500mila euro, per 28 miliardi di sofferenze. Ad appena 126 soggetti (lo 0,002% della clientela) con prestiti oltre i 25 milioni, sottolinea la ricerca, fanno capo 2,9 miliardi di Npl (il 6,12% delle sofferenze).
    "Le banche puntano molto sulla vendita dei prodotti finanziari e poco sui prestiti - ha affermato il segretario generale della Fabi Lando Sileoni - Un'attività, quest'ultima, che è ancora molto legata ai rapporti personali dei banchieri con le imprese. Insomma, c'è ancora molto credito relazionale, finanziamenti agli amici degli amici". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie