Berlusconi, sotto lente Corte Strasburgo la condanna del 2013

L'ex giudice Esposito: 'Parteciperò al giudizio Ue'

La Corte europea dei diritti umani ha reso noto oggi di aver comunicato al Governo italiano il 26 aprile scorso il ricorso di Silvio Berlusconi contro la sua condanna per frode fiscale nel 2013, dando così inizio alla fase dibattimentale che dovrà fornire alla Corte gli elementi per arrivare a un verdetto. Nel suo ricorso, inviato alla Corte di Strasburgo il 28 dicembre 2013, l'ex premier sostiene che l'Italia ha violato in vari modi il suo diritto a un equo processo, il suo diritto a non essere processato per un reato che gli era stato contestato in altri 2 processi, e quello a vedersi applicate le attenuanti. Come anticipato oggi dal Corriere della Sera, nel comunicare il ricorso i giudici di Strasburgo hanno chiesto al Governo di rispondere a 10 domande. Le prime 7 questioni riguardano tutte l'equo processo, la settima e ottava l'applicazione delle attenuanti e l'ultima quella a non essere processato più volte per uno stesso reato. In base alle regole della Corte di Strasburgo il Governo ha ora 16 settimane per rispondere.

Le domande rivolte al Governo dalla Corte di Strasburgo puntano in primo luogo ad avere chiarimenti sull'indipendenza e le modalità di formazione, in base alle leggi italiane, dei tribunali che hanno giudicato Berlusconi. Un aspetto essenziale, secondo i giudici europei, per determinare se vi sia stato o meno un equo processo e quale impatto abbia avuto il rifiuto, da parte del tribunale di Milano, della richiesta di Berlusconi di spostare il processo altrove, nonchè l'assegnazione del caso alla sezione feriale della Corte di Cassazione.

Un'altra questione sollevata dalla Corte di Strasburgo riguarda poi le dichiarazioni fatte alla stampa dall'ex giudice Antonio Esposito, allora presidente della sezione feriale della Corte di Cassazione, dopo la lettura del dispositivo della sentenza ma prima che ne fossero depositati i motivi. I giudici europei vogliono sapere se questo gesto ha leso il principio d'imparzialità della Corte di Cassazione, e anche se Berlusconi ha avuto la possibilità di contestare questa eventuale violazione davanti a un tribunale italiano.

Altre quattro domande rivolte al Governo italiano riguardano vari aspetti procedurali. La Corte vuole sapere se i tribunali italiani abbiano violato il diritto di Berlusconi a partecipare al proprio processo quando hanno rifiutato le sue domande di rinvio dell'udienza per motivi legittimi e di salute. Ma anche se il leader politico è stato privato del suo diritto a conoscere la natura delle accuse rivoltegli a causa del rifiuto del tribunale di Milano di tradurre alcuni documenti del fascicolo. O ancora se l'ex premier ha avuto sufficiente tempo per preparare la sua difesa e se l'impossibilità di interrogare alcuni testimoni ha violato il diritto all'equo processo.

"Ho dato mandato ai miei legali di chiedere di potere partecipare al giudizio che si svolgerà a Strasburgo, presenteremo delle memorie e documenti". E' quanto annuncia l'ex giudice Antonio Esposito, presidente della sezione di corte di Cassazione che nel 2013 emise la sentenza nel procedimento Mediaset per evasione fiscale, commentando la decisione della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie