Sport

Atletica: Tortu 10''27 a Madrid, martello Fantini a 72,31m

Non decolla la stagione per lo sprinter azzurro

(ANSA) - ROMA, 19 GIU - Non decolla la stagione di Filippo Tortu. A Madrid, nella città del 9.99 di tre anni fa ma su un'altra pista (oggi su quella verde dello stadio Vallehermoso), lo sprinter azzurro delle Fiamme Gialle non fa meglio di 10.27 nei 100 metri, secondo posto in finale alle spalle del sudafricano Gift Leotlela (10.15). Come a Ginevra sabato scorso, anche stavolta ci si mette il vento contrario a complicare la vita del finalista mondiale e degli altri sprinter impegnati nella tappa Silver del Continental Tour nella capitale spagnola.
    La brezza in finale è di -1.3 ed era stata contraria anche in batteria (-1.8) a condizionare in parte il 10.33 con cui Tortu si era qualificato per il turno decisivo. Tortu è in quarta corsia, è lenta l'uscita dai blocchi (0.216 il tempo di reazione), alla sua sinistra Leotlela scappa subito via e "Pippo" è costretto a rincorrere il velocista sceso a 9.94 in maggio. Riesce comunque a chiudere davanti al francese Mouhamadou Fall (10.28) e al ghanese Sean Safo-Antwi (10.30).
    Per il brianzolo era la terza uscita stagionale sui 100 metri dopo il 10.18 di Rieti del 22 maggio e il 10.30 di sette giorni fa a Ginevra. Soltanto due lanci, nella storia del martello azzurro, sono atterrati più lontano del 72,31 di Sara Fantini.
    La lanciatrice dei Carabinieri trova il salto di qualità al terzo turno, incrementando di oltre un metro e mezzo il primato personale dello scorso anno (70,73) e avvicinando lo standard olimpico per Tokyo fissato a 72,50. Nelle liste alltime soltanto il record italiano di Ester Balassini (73,59 nel 2005) e il 72,46 di Clarissa Claretti del 2008 restano davanti alla spallata della 23enne emiliana di Salsomaggiore, doppia figlia d'arte: papà Corrado "Cocco" finalista olimpico del peso ad Atlanta '96 e mamma Paola Iemmi ex multiplista. L'azzurra che è stata medaglia di bronzo agli Europei under 23 di Gavle nel 2019 conquista il primo posto ai danni della spagnola Laura Redondo (70,65). "Lo aspettavo da un po', mi sentivo di valere questi 72 metri e sono contenta che siano usciti in una competizione internazionale di alto livello - le parole di Sara Fantini - mi dispiace, certo, per quei 19 centimetri che ancora mi separano da Tokyo". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie