Sport
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Altri Sport
  4. Sport: un 2021 da record per l'Istituto per il credito sportivo

Sport: un 2021 da record per l'Istituto per il credito sportivo

Abodi: produrre utili e essere utili,contributo a rilancio Paese

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Un 2021 in crescita per l'Istituto per il Credito Sportivo, che ha chiuso l'anno con numeri eccellenti, confermando una tendenza positiva già manifestata nell'esercizio 2020. L'Ics ha raggiunto un nuovo record sia in relazione alle erogazioni dei finanziamenti, 342 milioni di euro (+6%) rispetto al 2020, sia relativamente agli importi deliberati che si attestano a 372 milioni di euro di nuovi affidamenti, in rilevante aumento di circa 63,8 milioni di euro (+21%) rispetto al 2020.
    Rilevante la spinta degli impieghi per lo sviluppo infrastrutturale sportivo e culturale, che hanno raggiunto i 277 milioni di euro, con una crescita di circa 58 milioni di euro (+26%) rispetto al risultato del 2020, dei quali circa i due terzi sono stati a favore di Enti Locali e un terzo per imprese ed enti no profit.
    Significativo l'impegno messo in campo nel settore Cultura, uno degli obiettivi qualificanti del piano industriale 2020-2023: 43 milioni di euro di finanziamenti, 37 milioni di euro a beneficio degli Enti Locali e 6 milioni di euro per i soggetti privati. Grazie ai finanziamenti erogati dall'Istituto si sono potuti sviluppare progetti nell'ambito della cultura per oltre 104 milioni di euro. Per il presidente, Andrea Abodi, "i gratificanti risultati conseguiti da ICS nel 2021 rappresentano un'importante tappa nel percorso di crescita delineato dal Piano Industriale 2020-2023, orientato alla creazione di valore economico e sociale a beneficio del nostro Paese, attraverso lo sviluppo sostenibile dello sport e della cultura. Produrre utili ed essere utili, come siamo riusciti a fare lo scorso anno a livelli mai raggiunti dall'Istituto nella sua lunga storia, rappresenta un elemento distintivo e qualificante della nostra missione di banca pubblica che sente il dovere di contribuire al rilancio dell'Italia e al miglioramento del benessere e della qualità della vita di un numero crescente di persone e di imprese che si dedicano a vario titolo allo sport e alla cultura". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie