Cisternino

Puglia

A dominio della Valle d’Itria si trova la cittadina di Cisternino, annoverata tra i “Borghi più belli d’Italia” e Bandiera Arancione del Touring Club.

Un’esplosione di case bianche caratterizzano il centro del paese, che si trova immerso in una verde campagna ricca di secolari ulivi dalla quale emergono i tradizionali trulli, mentre in lontananza si può ammirare il mare.

Per accedere al borgo bisogna attraversare la Torre di Porta Grande, risalente all’epoca medioevale e realizzata in stile normanno; è alta 17 metri e, sulla cima, è posta una grande statua raffigurante San Nicola.

L’edificio di culto più importante del borgo è la Chiesa Madre, dedicata a San Nicola, edificata su un’antica chiesa paleocristiana, realizzata in pietra chiara e con la facciata in stile neoclassico. All’interno conserva due capolavori dell’artista Stefano di Putignano create nel periodo rinascimentale: il Tabernacolo e La Madonna del Cardellino, entrambe realizzate in pietra viva.

Tra gli altri edifici di culto minori ricordiamo la Chiesa barocca di San Cataldo, la Chiesa di Cristo e la Chiesetta di Santa Lucia.

Tra gli edifici civili meritevoli di visita invece troviamo Palazzo Lagravinese, Palazzo Vescovile, Palazzo Amati, Palazzo del Governatore e la Torre Capece.

Nell’ottocentesca piazza principale rettangolare, Piazza Vittorio Emanuele, spicca la bellissima Torre dell’Orologio.

Da non perdere anche la Villa Comunale, con il suo bellissimo belvedere che si apre sull’intera Valle d’Itria.

Tra le specialità gastronomiche di Cisternino ci sono le salsicce, le bombette e gli gnumeredd - spiedini fatti con le interiora di agnello -, le friselle e l’olio.

I suggeriti di ANSA ViaggiArt


Modifica consenso Cookie