Eurodeputati Lega, le restrizioni al Brennero rimangono ma l'Ue tace

'Se non ci sarà un intervento presto Italia imponga reciprocità'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Da mesi si consuma un attacco all'economia del nostro Paese nell'indifferenza delle istituzioni europee. Le restrizioni al traffico pesante imposte dalla regione del Tirolo nei confronti dell'Italia rimangono in vigore e a Bruxelles tutto tace". Così in una nota gli il capodelegazione della Lega Marco Campomenosi e gli eurodeputati Paolo Borchia e Massimo Casanova. "La competitività di ampie fasce dei nostri settori industriali è fortemente penalizzata e il comparto dell'autotrasporto italiano ne risente drasticamente.

Cosa aspetta la Commissione europea ad avviare una procedura di infrazione nei confronti dell'Austria per contestare quelle che sono vere e proprie barriere non tariffarie del mercato interno? Dall'Ue ci aspettiamo fatti concreti, non solo parole", continuano gli eurodeputati leghisti. "All'insegna della reciprocità, se non ci sarà un intervento nel breve termine, il Governo italiano avrebbe tutto il diritto di imporre contromisure nei confronti dell'autotrasporto austriaco, così da ristabilire una parità di condizioni che oggi manca disastrosamente. Basta concorrenza sleale: le regole devono essere uguali per tutti", conclude la nota.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie