Ue, con sviluppo 5G e AI necessarie regole rigorose su dati

Nuove tecnologie portano rischi chiari

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 27 GEN - "Con la promozione della rete 5G e l'utilizzo delle tecnologie di Intelligenza Artificiale e l'Internet of Things, saranno diffusi dati personali in abbondanza e se ne farà un potenziale uso che probabilmente non possiamo immaginare", quindi le nuove tecnologie offrono "incredibili opportunità, ma in alcuni casi dimostrano che sono necessarie regole rigorose per affrontare chiari rischi". Così la vicepresidente della Commissione Ue Vera Jourova e il commissario per la Giustizia e i consumatori Didier Reynders in una nota congiunta diffusa in occasione della giornata Ue per la protezione dei dati.

A 20 mesi dall'entrata in vigore del regolamento generale sulla protezione dei dati (Gdpr), oltre 1,7 milioni di imprese e cittadini hanno visitato la guida web con le nuove regole.

Secondo Eurobarometro, i livelli più elevati di consapevolezza dei propri diritti riguardano soprattutto il diritto di accedere ai propri dati(65%), di correggerli se sono errati (61%), di opporsi alla ricezione di informazioni dirette di marketing (59%) e di cancellare i propri dati (57%).Tuttavia, resta la priorità per i commissari "di promuovere un sistema armonizzato". La Commissione presenterà in primavera una valutazione sul Gdpr.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: