Auto elettriche, in California 19% acquirenti torna indietro

Studio UC, 'ricarica a casa è un problema'. Ed è peggio coi Phev

Redazione ANSA ROMA

Una rilevante quota degli acquirenti di auto 100% elettriche (Bev) in California, il 19%, si è pentita di questa scelta ed è ritornata a possedere un modello con motore termico, in quanto scontenta dell'autonomia e addirittura impossibilitata a conciliare le proprie abitudini di mobilità con l'impiego del Bev, fasi di ricarica compresa.
    Questa percentuale è ancora più alta (circa il 21%) se l'auto elettrificata è un ibrido plug-in (Phev). E' quanto risulta da uno studio realizzato in aprile dalla University of California a firma dei ricercatori Scott Hardman e Gil Tal e pubblicato dalla autorevole rivista Nature Energy.
    Secondo le risposte fornite dagli utenti intervistatati, uno dei problemi più rilevanti per gli utenti delle auto elettriche ed elettrificate è la tensione negli impianti domestici, che in California come nei altri Stati Usa, è normalmente di 120 Volt, contro i 240 europei. Le prese delle abitazioni (classificate di livello 1) sono dunque insufficienti nel 70% dei casi e la cosa non migliora nemmeno nei parcheggi dei posti di lavoro. Il problema non viene superato nemmeno con le colonnine di ricarica pubblica, perché - riferiscono i ricercatori Hardman e Tal - gli utenti non sono avvezzi ad utilizzarle, in quanto abituati a considerare la sosta alla stazioni di servizio "una questione di minuti".
    La differenza tra il mondo delle auto elettriche vendute in California e quello dei proprietari di Tesla è, si legge nel rapporto, come 'il giorno rispetto alla notte', anche perché gli utenti delle varie Model 3 e Model S sono abituati a utilizzare i supercharger che offrono corrente continua a 480 Volt e permettono di fare il pieno in poco più di un'ora. Il problema della ricarica esiste anche per i Phev, ma in questo caso è relativo alla difficoltà di ripristinare una adeguata riserva di mobilità 100% elettrica, rispetto ai vantaggi ottenuti a livello fiscale con la scelta per un Phev.
    Realizzato intervistando chi in California aveva acquistato un Bev o un Phev tra il 2012 e il 2019, lo studio ha evidenziato un collegamento tra il tasso di 'infedeltà' più spinto presso le famiglie composte da 2 persone e con una o due auto di proprietà, mentre l'accettazione è più alta nei nuclei famigliari più corposi (5 componenti e più) ed - evidentemente - quando il parco auto è ampio (4 o più vetture). Ed è interessante rilevare che è più alta la percentuale dei maschi che decide di abbandonare l'auto elettrica o ibrida plug-in rispetto ai 'fedeli', mentre le donne sono coerenti alla loro scelta e tornano meno facilmente indietro. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie