Stop tir viadotto: parenti Morandi, fatto estremamente grave

A 3 anni dal crollo esistono ancora ponti non controllati

(ANSA) - GENOVA, 12 MAG - Egle Possetti, presidente del Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi, interviene sulla chiusura del viadotto di valle Ragone e quindi della tratta tra Sestri Levante e Lavagna (Genova) dell'autostrada A12 Genova-Livorno ai mezzi superiori ai 35 quintali: è "un fatto estremamente grave", afferma. "Noi da tre anni - dichiara - stiamo dicendo che la sicurezza dei cittadini deve essere al primo posto in un paese civile ma oggi viene alla luce che in questo tempo esistono ancora viadotti e ponti non controllati - aggiunge -, abbiamo passato un anno sospeso nella pandemia con scarsa circolazione di persone e mezzi e non siamo stati in grado di mettere mano con determinazione all'esecuzione di questi lavori improcrastinabili, una grandissima occasione mancata". "Non sta a noi dare colpe, ma le soluzioni sono solo due: o il degrado è così vasto da non sapere dove iniziare e si lavora quindi per cercare di mettere toppe ove possibile, oppure manca la reale volontà di portare a termine la rimessa in sicurezza da parte di chi gestisce la concessione, speriamo che qualche autorità possa capire quale sia la verità e possa porre rimedio". "Certo non è semplice ora consentire la circolazione dei mezzi e fare i lavori urgenti, ma è evidente che siamo in grandissimo ritardo e la memoria del 14 agosto lo certifica ogni giorno".
    Possetti annuncia anche che il Comitato dei parenti delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi del 14 agosto 2018, sta organizzando un incontro sul tema con tutti i parlamentari piemontesi e liguri sul tema. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      MyWay Autostrade per l'Italia
      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie