Piemonte

Salvini in tribunale Cuneo, non accetto aggettivo antisemita

(V. 'Salvini in tribunale Cuneo...' delle 11.17)

(ANSA) - CUNEO, 28 GIU - "I giudizi politici possono starci, fanno parte della dialettica democratica. L'aggettivo antisemita lo ritengo un'infamia pesante e non l'ho accettata, allora come ora". Così Matteo Salvini lasciando il tribunale di Cuneo, dove è parte offesa in un procedimento per diffamazione a carico di Carlo De Benedetti.
    Il leader della Lega ha testimoniato come persona offesa come parte civile, ricordando i suoi buoni rapporti con Israele e sostenendo che le frasi dell'imprenditore, pronunciate mentre erano in corso le consultazioni al Quirinale, "hanno avuto una incidenza. "Non tutte le persone approfondiscono e l'aggettivo antisemita si porta dietro questioni come la negazione dell'Olocausto".
    Nel maggio 2018, intervistato da Lilli Gruber, De Benedeti diede a Salvini dell'"antisemita" e dello "xenofobo".
    Salvini ha spiegato di aver partecipato a convegni in tutta Europa sul tema, essersi battuto a Roma e Bruxelles per leggi contro l'antisemitismo, poi ha parlato del rapporto personale e delle frequentazioni con l'ex premier Netanyahu e con l'attuale ambasciatore di Israele a Roma oltre ai buoni rapporti con le comunità ebraiche "di tutta Italia, da Roma a Milano".
    Il processo è stato aggiornato al 18 ottobre, quando dovrebbe esserci la sentenza. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie