Sicilia

Mafia: Falcone su delitto Mattarella, voluto da Cosa nostra

Giudice in verbali desecretati oggi, ma sicari erano esterni

(ANSA) - PALERMO, 14 LUG - "Nell'omicidio Mattarella vi era una concordia di fondo di tutta la commissione sull'eliminazione di questo personaggio, nel senso che non interessava a tutti più di tanto che rimanesse in vita; però nel momento più acuto della crisi, che poi sarebbe sfociata l'anno successivo in una guerra di mafia molto cruenta, ognuno aveva paura di fare il primo passo, e Stefano Bontade, per la parte che ci è stata riferita, aveva preferito stare alla finestra nel senso di disinteressarsi delle vicende di Cosa nostra per poter poi contestare dall'opposizione certe vicende all'interno dell'organizzazione.
    Se per l'omicidio Mattarella, e questo ci è stato ampiamente confermato da Buscetta, fossero stati utilizzati killer mafiosi, in due secondi chiunque all'interno di Cosa nostra avrebbe saputo chi aveva ordinato l'omicidio del presidente Mattarella".
    Un omicidio di mafia eseguito, però, da sicari non mafiosi: era la conclusione sul delitto dell'ex presidente della Regione siciliana Piersanti Mattarella a cui era giunto il giudice Giovanni Falcone. Le sue rivelazioni alla commissione Antimafia il 22 giugno del 1990 sono state desecretate oggi dalla stessa commissione. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie