Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Violenza contro le donne, monito di Mattarella: 'Fallimento di tutti'

Violenza contro le donne, monito di Mattarella: 'Fallimento di tutti'

Al Senato evento con Liliana Segre. Casellati: 'La più tragica mattanza del mondo contemporaneo'

"Le varie forme di maltrattamento che subiscono molte donne sono una vigliaccheria e un degrado per gli uomini e per tutta l'umanità. Non possiamo guardare dall'altra parte. Le donne vittime di violenza devono essere protette dalla società". Lo afferma papa Francesco in un tweet in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Il cardinale presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, esprime a nome dei vescovi la vicinanza per la "sofferenza di tante donne per la violenza, e di tante mamme. Credo che si debba fare ancora di più perché queste situazioni siano prevenute e non dobbiamo trovarci quasi tutti i giorni a piangere qualche delitto che, nel modo in cui avviene, ci strappa il cuore". Per Bassetti "colpire la donna vuol dire colpire i valori più profondi dell'umanità".

La violenza contro le donne è "la più tragica mattanza del mondo contemporaneo, oltre 100 femminicidi sono stati consumati in Italia dall'inizio dell'anno e per di più all'interno delle mura domestiche. E' solo la punta dell'iceberg. Dietro le stime ufficiali c'è una quotidianità di violenze non dette coperte da una subdola violenza psicologica ed economica, violenze barattate come atti d'amore." Così la presidente del Senato Elisabetta Casellati intervenendo in Aula all'evento "No alla violenza. Il grido delle donne".

"La violenza contro le donne è un fallimento della nostra società nel suo insieme, che non è riuscita, nel percorso di liberazione compiuto dalle donne in quest'ultimo secolo, ad accettare una concezione pienamente paritaria dei rapporti di coppia". Tale violenza "prende origine da una visione distorta dei rapporti tra uomo e donna, che vede la seconda come oggetto e in ogni caso come soggetto non degno di un pieno rispetto. È nell'idea di inferiorità che pervade, ancora troppo spesso, l'approccio alla questione femminile, in cui si trovano le radici di ogni forma di violenza". Lo scrive il Capo dello Stato, Sergio Mattarella

 "Per uscire da questa spirale - aggiunge - è necessario educare: educare al rispetto, educare alla parità, educare all'idea che mai la forza può costituire uno strumento di dialogo. Già nelle famiglie si deve diffondere questa educazione e poi nelle scuole, fin dalla prima infanzia".

La violenza contro le donne "è purtroppo un fenomeno strutturale e non emergenziale, quasi una vittima ogni 3 giorni e mezzo, dobbiamo chiederci oggi cosa dobbiamo e possiamo fare per contrastare questa piaga grave inaccettabile e chiedercelo visto la sede in cui ci troviamo rispetto al ruolo del Parlamento". Lo dice il Presidente della Camera Roberto Fico nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. "Il Parlamento non ha solo funzioni legislative è anche e deve essere sempre più una istituzione culturale, una istituzione pensante, capace di conoscere i fenomeni e impegnata a definire soluzioni davvero adeguate". "E' più che mai necessario sulla violenza di genere che ha complesse radici di carattere economico, sociale, culturale e richiede risposte combinate, in particolare gli stereotipi e i pregiudizi sono l'humus che alimenta la discriminazione e la violenza e non possono essere sradicati soltanto attraverso le leggi", conclude il Presidente della Camera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie