Trentino AA/S
  1. ANSA.it
  2. Trentino AA/S
  3. Energia: Terna informa su riassetto rete valle Isarco

Energia: Terna informa su riassetto rete valle Isarco

Previsti investimenti da 300 milioni di euro

(ANSA) - BOLZANO, 24 GEN - È previsto per mercoledì 26 gennaio l'incontro informativo organizzato da Terna, in coordinamento con la Provincia Autonoma di Bolzano, per presentare ai cittadini il progetto definitivo di razionalizzazione della rete elettrica in Val d'Isarco il cui iter autorizzativo è stato avviato lo scorso dicembre dal Ministero della Transizione Ecologica. L'incontro si terrà a partire dalle ore 16 in modalità digitale sulla piattaforma Teams per rispetto delle regole prudenziali dettate dalla pandemia. I tecnici di Terna saranno a disposizione per illustrare nel dettaglio le caratteristiche dell'intervento, il processo autorizzativo in corso e per rispondere alle domande dei cittadini L'appuntamento è un'ulteriore tappa del percorso di progettazione partecipata intrapreso dalla Società con il territorio. A partire dal 2018, infatti, in attuazione del Protocollo di Intesa siglato da Terna, Provincia Autonoma di Bolzano e RFI, è stato avviato il dialogo con Enti Locali e cittadini per individuare e condividere le migliori soluzioni tecniche, localizzative e realizzative del piano di razionalizzazione. Si sono svolti complessivamente oltre 40 incontri con le amministrazioni interessate e 7 "Terna Incontra" con la cittadinanza che hanno visto la partecipazione di oltre 900 persone con 150 osservazioni raccolte a cui è stato dato puntualmente riscontro. Il riassetto della Val d'Isarco, per cui Terna investirà 300 milioni di euro, ha l'obiettivo di potenziare l'alimentazione elettrica della direttrice ferroviaria lungo l'asse del Brennero (Brenner Basistunnel) e prevede un vasto piano di razionalizzazione delle linee a 132 kV che attualmente insistono nei comuni di Barbiano, Bolzano, Bressanone, Campo di Trens, Castelrotto, Chiusa, Cornedo all'Isarco, Fiè allo Sciliar, Fortezza, Funes, Laion, Naz-Sciaves, Ponte Gardena, Renon, Rio di Pusteria, Rodengo, Varna, Velturno e Villandro. Sono previsti 190 km di nuovi collegamenti, oltre un terzo dei quali 'invisibili' perché interrati, la cui realizzazione consentirà di demolire circa 260 km di elettrodotti aerei esistenti e 900 tralicci. Saranno oltre 600 gli ettari di territorio complessivamente liberati dalle esistenti infrastrutture elettriche.
    La progettazione dell'opera - informa la nota - è stata una delle più ampie e complesse mai realizzate da Terna per un singolo intervento; la vastità delle aree interessate, la maggior parte delle quali in alta montagna, ha richiesto studi ambientali articolati e approfonditi che hanno portato alla redazione di oltre 300 elaborati propedeutici all'avvio dell'istanza autorizzativa. Tali attività, di pari passo con il continuo confronto con la Provincia Autonoma di Bolzano e tutti i soggetti coinvolti, hanno consentito di finalizzare un progetto di grande importanza per il territorio alto atesino nel pieno rispetto dell'ambiente e delle comunità locali in un'ottica di sviluppo sostenibile della rete elettrica. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie