Sottoscritta intesa 'Rete terme storiche di Calabria'

Algieri,protocollo proietta verso una vera industria del turismo

(ANSA) - CATANZARO, 20 APR - "Individuazione di obiettivi comuni alle Terme calabresi che riguardino il futuro del settore termale e la realizzazione di azioni congiunte, attraverso una condivisione dei bisogni, per la promozione e l'ampliamento della conoscenza delle cure termali e delle specifiche proprietà curative delle acque di ciascuna struttura, nella più ampia e composita azione di valorizzazione dei percorsi turistici a livello regionale": è l'obiettivo del protocollo d'intesa "Rete delle Terme storiche di Calabria" presentato oggi nella sede di Unioncamere Calabria, a Lamezia Terme. Sono state coinvolte Consorzio Termale "Antonimina-Locri", Terme Caronte spa, Terme di Galatro srl, S.A.TE.CA. spa Terme Luigiane, Terme Sibarite spa, Comune di Spezzano Albanese.
    Unioncamere Calabria, in rappresentanza delle Camere di commercio calabresi, è scritto in una nota, "in ascolto e al servizio del sistema imprenditoriale regionale, ha accolto l'invito degli stabilimenti termali ad ospitare la sottoscrizione dell'accordo. La conferenza stampa è stata moderata dal segretario generale di Unioncamere Calabria, Erminia Giorno. Ha portato i saluti istituzionali il presidente di Unioncamere Calabria Klaus Algieri.
    "Ringrazio anzitutto l'assessore Orsomarso per la sua significativa presenza - afferma Klaus Algieri - oggi è certamente una bella giornata perché in Calabria fare rete è sempre più difficile e lavorare in una logica di rete, per la prima volta insieme terme pubbliche e private, proietta verso una vera industria del turismo. Unioncamere Calabria rappresenta tutte le Camere di commercio calabresi e oggi svolge l'importante ruolo di testimone poiché non è tra i firmatari dell'accordo. Rimarco l'importanza e la crucialità del dialogo tra politica e corpi intermedi come base per il corretto funzionamento dei territori. Fare rete è un vantaggio per la Calabria - conclude Algieri - e se la nostra regione occupa le ultime posizioni non è solo colpa della politica ma anche dei corpi intermedi".
    Fausto Orsomarso, assessore regionale al Lavoro, sviluppo economico e turismo ha ringraziato "tutti i Presidenti e Commissari delle Camere di commercio calabresi ed il presidente Algieri per questa importante azione di intermediazione che ci consente di dialogare al meglio con più soggetti qui rappresentati. Trovo competenze nelle Terme calabresi, pubbliche e private, e ne riconosco la capacità di non guardare più soltanto all'aspetto sanitario ma anche al business. Le Terme rappresentano uno strumento di promozione del turismo tant'è che stiamo lavorando ad un bando, di prossima uscita, a favore del comparto termale regionale. La Calabria è il giardino d'Italia e d' Europa - conclude Orsomarso - ma bisogna che politica, imprese e corpi intermedi siano seri e professionali per rilanciare al meglio una grande vocazione turistica a volte ancora inespressa". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie