Nobel per la Pace al World Food Programme

'Impressionanti gli sforzi di WFP davanti alla pandemia' si legge nelle motivazioni. L'organizzazione: 'Onorati'

Redazione ANSA

Il premio Nobel per la pace 2020 è stato assegnato al World Food Programme. "Grazie di cuore al Nobel Committee per aver onorato il World Food Programme con il Nobel per la pace 2020. Questo è un potente promemoria per il mondo che la pace e #famezero vanno di pari passo". Lo scrive il Wfp in un tweet.

 IL VIDEO


 

Il Norwegian Nobel Commitee ha deciso di assegnare il Nobel all'agenzia Onu del Wfp per la solidarietà internazionale nella lotta contro la fame.

Si contavano quest'anno 318 candidati per la categoria che non ha mancato di riservare sorprese nella storia del premio assegnato dall'istituto norvegese. Di questi 211 sono individui e 107 organizzazioni. Una lista lunga, la cui composizione non è però nota.

"La pandemia di coronavirus ha contribuito a un forte aumento del numero di vittime della fame nel mondo. In Paesi come Yemen, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Sud Sudan e Burkina Faso, la combinazione di conflitto e pandemia ha portato a un drammatico aumento del numero di persone che vivono sull'orlo della fame. Di fronte alla pandemia, il Wfp ha dimostrato un'impressionante capacità di intensificare i propri sforzi. Come ha affermato la stessa organizzazione, 'fino al giorno in cui avremo un vaccino medico, il cibo è il miglior vaccino contro il caos'". Lo si legge nelle motivazione del premio Nobel per la pace al World Food Programme.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA