Calabria
  1. ANSA.it
  2. Calabria
  3. Bergamini: Padovano, ricevette telefonata che lo stranì

Bergamini: Padovano, ricevette telefonata che lo stranì

Ex calciatore in aula depone su rapporti Denis con ex fidanzata

(ANSA) - COSENZA, 30 NOV - "Quel sabato mattina era normale, nel pomeriggio ricevette una telefonata che lo stranì ma non conosco il contenuto della conversazione". A dirlo l'ex calciatore Michele Padovano, sentito oggi nel processo a carico di Isabella Internò, accusata dell'omicidio dell'ex fidanzato, il calciatore del Cosenza Donato "Denis" Bergamini, morto il 18 novembre 1989 sulla statale 106 all'altezza di Roseto Capo Spulico.
    Padovano era stato compagno di squadra di Denis. "Sono arrivato a Cosenza nel 1986 - ha detto - e avevo un rapporto meraviglioso con Denis, un vero professionista che mi ha insegnato tanto. Era un ragazzo solare, tranquillo e riservato, dedito alla professione. Quando andammo a vivere insieme, Denis e Isabella si erano lasciati. Denis non voleva stare con la Internò nonostante le piacesse molto. Mi disse che la Internò ebbe rapporti con un altro giocatore. Mi raccontò un mese prima di morire dell'aborto in Inghilterra legandolo alla visita che mi fece a Torino, spiegandomi che quando venne a trovarmi, lui e Isabella stavano proprio rientrando dopo l'aborto".
    Oggi è stata sentita anche Maria Lucia Cosentino ex moglie di Francesco Forte, il secondo camionista giunto sul luogo dell'incidente nel 1989. In aula sono state fatte ascoltare intercettazioni di conversazioni telefoniche tra gli ex coniugi dalle quali si evince che Forte chiese alla donna di parlare con un avvocato della possibilità di denunciare una parente per averlo coinvolto. Forte infatti, secondo quanto ricostruito, avrebbe detto di essere stato presente sul luogo dell'incidente durante una cena solo nel 2013 ad una parente mentre in tv si parlava del caso Bergamini e che quest'ultima avrebbe messo in contatto il parente con Donata Bergamini, sorella di Denis. La testimonianza di Forte nel corso del processo è stata più volte messa in discussione a causa di alcune inesattezze e dimenticanze riferite agli inquirenti nelle varie dichiarazioni rese negli anni. La parte civile ha chiesto il confronto tra gli ex coniugi ma la Corte ha rigettato. Sentita anche Daniela Biondi, la parente di Forte, la quale ha riferito che l'uomo "ha sempre palesato paura nel dover raccontare quello che vide".
    Prossima udienza il 13 dicembre. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie