Mafia: no domiciliari per boss Brusca

Giudici romani respingono istanza legali capomafia

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 10 APR - Il tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto la richiesta di detenzione domiciliare avanzata dai legali dell'ex capomafia Giovani Brusca, da anni collaboratore di giustizia. Condannato per decine di omicidi e stragi, tra cui quelle di Capaci e Via D'Amelio, e per aver fatto rapire e uccidere il piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio di un pentito, Brusca venne arrestato a maggio del 1996.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA