Suzuki Katana, modello unico celebra 'Katana Shark'

Presentata a MBE una special dedicata a modello del 1984

Redazione ANSA MILANO

La katana si tinge di 'special' per onorare la prima Suzuki Katana 750 del 1985. Suzuki lo aveva annunciato, ma non era trapelata ancora nessuna informazione dettagliata fino a ieri, quando, con l'apertura del Motor Bike Expo a Verona, si è sollevato il velo che celava la Katana Special in bella mostra sullo stand del brand giapponese. Si tratta, per il momento, di una versione one-off, un esemplare unico, con il nome di Katana 7584 che si legge settecinqueottoquattro, chiaro riferimento al concept che ha dato origine a questa special.

Lo spunto stilistico risiede in una delle moto più innovative presentate sul mercato: la Katana 750 Model Year 1984, inconfondibile e caratterizzata dal faro anteriore a scomparsa, fino a quel momento visto solo sulle automobili più sportive, oltre che dalla particolare scelta cromatica ricca di dettagli color oro, blu e grigio mat. Quando nel 1981 Suzuki produsse la prima Katana, lo sgomento del settore fu grande: quelle linee, quelle forme, quell'integrazione tra moto e pilota erano elementi totalmente inediti e per certi versi insospettabili. I tratti stilistici dettati dalla moto creata da Hans Muth divennero un punto di riferimento per designer e ingegneri.

Tuttavia, la Katana 750 lanciata nel 1984 riuscì nuovamente a stupire. Le linee erano più delicate, come se le nuove forme fossero state levigate dalla velocità. Vista di profilo, il faro a scomparsa, regalava alla silhouette della moto le sembianze di uno squalo, tanto che fu coniato il nome di 'Katana Shark'. I colori si distaccavano dal solito grigio lucido e prevedevano dettagli oro, blu, bianco e grigio mat che davano un tocco di esclusività esaltando ancora di più forme e materiali. Se la Katana nel 1981 sembrò giungere dal futuro, quella del 1984 sembrò arrivare da un altro pianeta. Per rendere omaggio alla 'Shark' del 1984, Suzuki ha lavorato sulla nuova Katana in particolar modo sulla livrea. Il Grigio lucido del modello standard lascia il posto ad un peculiare grigio mat a cui è stata accostata una veste grafica che segue le forme uniche della Katana, tingendole di Cosmic Blue, Lipstick Red e Metal Gold.

Il logo Suzuki tradizionale lascia il posto ad una moderna 'Big label' che riprende lo stile tipico delle moderne GSX-RR del Team Ecstar MotoGP. I più attenti potranno notare come anche le forme siano state modificate, I fianchetti perdono le prese d'aria presenti subito sopra il logo Katana, risultando così più puliti. Il logo stesso vede il Kanji Katana in Metallic Gold. Parlando di equipaggiamento, invece, ritroviamo: il cupolino maggiorato, la sella bicolore rosso/nero ed il parafango anteriore realizzato interamente in carbonio. Tutti questi accessori fanno parte del catalogo Genuine Parts che Suzuki dedica al suo modello.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie