Curando il sorriso potrebbe ridursi anche il rischio-cuore

Esperto SIdP, guarire gengive migliora fattori cardiovascolari

Redazione ANSA ROMA

Curando la salute della bocca potrebbe ridursi anche il rischio cardiovascolare, con miglioramento del controllo glicemico, della funzione circolatoria (dello stato di salute dei vasi sanguigni), del profilo dei grassi nel sangue e anche una riduzione significativa di molecole infiammatorie presenti in circolo.
    È quanto emerge dalla letteratura scientifica sull'argomento, sempre più ricca di risultati in favore della teoria che i trattamenti per la malattia delle gengive (parodontite) hanno ricadute positive tangibili anche sulla salute generale dell'individuo, specie se si tratta di una persona a rischio cardiovascolare.


    A fare il punto sull'effetto del trattamento parodontale sui parametri di salute cardiovascolare è stato Filippo Graziani, ordinario di malattie Odontostomatologiche all'Università di Pisa e presidente eletto della Federazione Europea di Parodontologia, con uno studio presentato in occasione nel corso di Europerio9.
    "Il trattamento della parodontite determina la riduzione significativa di numerosi parametri di salute cardio-vascolare quali 'bio-marcatori' (molecole che indicano presenza di) d'infiammazione sistemica e metabolismo glucosio-lipidico - spiega Graziani. Dobbiamo adesso iniziare studi per capire l'impatto a livello clinico, sul lungo termine, di prevenzione di eventi cardio-vascolari. Le premesse sono sicuramente molto interessanti".


    Ad esempio studi hanno evidenziato la possibilità che la cura della parodontite si accompagni a miglioramento della salute delle pareti dei vasi (endoteli), nonché a un miglioramento del profilo dei grassi circolanti nel sangue (possibile effetto correttivo sulle concentrazioni di colesterolo e trigliceridi).
    Inoltre ormai è abbastanza consolidato il dato secondo cui, curando la parodontite nei pazienti diabetici, questi migliorano il controllo della glicemia. Infine, conclude Graziani, altri studi mostrano una riduzione delle molecole (citochine) infiammatorie sempre in seguito alla gestione della malattia gengivale.
    Quando il nostro sorriso è a rischio, quindi, non bisogna fermarsi al problema estetico e all'impatto sulla funzione masticatoria, ma tenere presente che alle malattie della bocca possono seguire a cascata tanti altri problemi di salute generale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: