Cibus: Consorzio Bufala Dop, crescita del 22% in cinque anni

Presidente Raimondo, con guerra a rischio blocco listini prezzi

Redazione ANSA BOLOGNA

 - La mozzarella di bufala campana Dop nel 2021 ha superato i 54 milioni di chili di produzione: una crescita del 22% rispetto a cinque anni fa e del 7% sul 2020. I dati sono stati elaborati da uno studio di mercato effettuato da Nomisma per il Consorzio di tutela e sono stati presentati questa mattina con una conferenza stampa alla 21/ma edizione di Cibus, il salone internazionale dell'alimentazione in corso a Parma.

Il 2021, inoltre, ha visto una ripresa del mercato nazionale (+10% sul 2020) e ha confermato un trend positivo dell'export, che incide mediamente per oltre il 35% delle vendite complessive. Tuttavia, preoccupa il contesto internazionale e l'aumento dei costi dell'energia. "Siamo preoccupati - ha detto Domenico Raimondo, presidente del Consorzio - il prodotto è in crescita, ma credo che subiremo una battuta d'arresto nel 2022.

Se continua così non riusciremo a bloccare i listini dei prezzi".

Il Consorzio ha affidato alla società McCann WorldGroup Italy una campagna di comunicazione che ha l'obiettivo di conquistare i consumatori più giovani. "Esploreremo il concetto di 'grandiosa semplicità' come leit motiv della campagna - ha annunciato Daniele Cobianchi, ad di McCann - che racconterà in modo leggero e coinvolgente le principali caratteristiche distintive del prodotto, come tracciabilità e freschezza".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie