Cuochi a Sana Slow Wine, ridurre i consumi di carne

L'incontro dell'Alleanza Slow Food a Bologna Fiere

Redazione ANSA BOLOGNA
(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAR - "Il cibo, così come il vino, per me è un amico. Tutti noi viviamo vite molto complesse e l'unico modo per avere un corpo in salute e una mente funzionante è vivere una relazione felice con il cibo che ingeriamo". Roberto Crocenzi è il cuoco della trattoria da Roberto a Montosi, a Montalcino, in provincia di Siena, e ha partecipato a un dibattito con altri 100 membri dell'Alleanza Slow Food dei cuochi, questa mattina a Bologna, in occasione di Sana Slow Wine Fair, la prima fiera internazionale del vino 'buono, pulito e giusto' organizzata da Bologna Fiere con la direzione artistica di Slow Food, che terminerà domani pomeriggio. Fanno parte della rete circa 470 cuochi diffusi su tutto il territorio nazionale.

Durante l'incontro si è parlato di come creare, intorno ai cuochi, comunità in grado di rispondere con una strategia condivisa ai principali problemi che stanno vivendo oggi la ristorazione e la filiera di qualità da cui si riforniscono.

L'invito però è rivolto anche a chi cucina, soprattutto per quanto riguarda la carne, affinché vengano privilegiate carni di migliore qualità, ci sia una riduzione dei consumi e si scelgano allevamenti che lavorano gli animali con rispetto.

"Si tratta di un percorso che vogliamo fare insieme ai cuochi della nostra rete, perché siamo convinti che con le loro scelte possano testimoniare che ridurre i consumi di carne senza perdere in qualità e piacere del gusto è possibile - conclude Raffaella Ponzio, responsabile biodiversità di Slow Food - acquistare la carne di chi alleva in modo naturale significa sostenere un'agricoltura e una zootecnia di qualità, in equilibrio con il contesto territoriale". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie