Vaccini: Icardi, al ritmo attuale due anni per dosi a tutti

"Perciò abbiamo incaricato Scr di cercare canali alternativi"

(ANSA) - TORINO, 18 FEB - "In Piemonte siamo oltre l'80% delle dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate. Il collo di bottiglia è l'approvvigionamento. Abbiamo incaricato la Società di committenza regionale (Scr) di esaminare canali alternativi: è anche un messaggio politico per dire al Governo che ai ritmi attuali ci vogliono più di due anni per vaccinare tutti". Così in Consiglio regionale l'assessore alla Sanità Luigi Icardi, esponente della Lega, che ha comunque avuto parole di riconoscimento per il modo in cui il nuovo esecutivo di Mario Draghi intende affrontare la questione. E a sua volta, all'insegna della nuova maggioranza che abbraccia Carroccio e Pd, ha ricevuto più commenti positivi alla sua esposizione da parte di esponenti della minoranza regionale.
    "Abbiamo 700-800 casi di nuove positività giornalieri - ha ricordato l'assessore -. Nelle ultime due settimane non sono cresciuti ma neppure calano. L'andamento per classi di età mostra una crescita in quelle più giovani e una diminuzione negli anziani, quest'ultima per effetto delle vaccinazioni nelle Rsa. La fascia con più contagiati è quella fra 45 e 64 anni.
    L'occupazione delle terapie intensive è calata a 130-140 posti occupati, quella dei letti ordinari è sui 1.870, dopo essere scesa fortemente a dicembre. Ma in entrambi i casi - ha rimarcato Icardi - la decrescita è lentissima. Anche i decessi sono in riduzione, in proporzione ai contagi". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie