Moria di kiwi, operazione salvataggio Mipaaf e ricerca Crea

L'Abbate, perdite da 750 mln nel Lazio primo produttore italiano

- Salvare il kiwi italiano dalla Moria, una malattia che affligge l'Italia e in particolare il Lazio, primo produttore nazionale che conta a oggi una perdita stimata di 750 milioni di produzione lorda vendibile complessiva. A lanciare l'allarme è il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe L'Abbate in audizione alla Regione Lazio dove ha partecipato insieme al Crea, che ha richiamato il ruolo determinante della ricerca a salvare oltre 500 mila tonnellate prodotte in Italia, di cui 200 mila tonnellate nella sola regione Lazio. Questa nuova fitopatia che, dopo la Batteriosi, ha già messo a dura prova la tenuta del settore, si manifesta durante l'estate con un decorso rapidissimo e letale. Comparsa in Veneto nel 2012, ha poi interessato Piemonte, Friuli, Emilia Romagna e da un paio d'anni, il Lazio dove ci sono 8 mila ettari di impianti. Nella speranza che la task force appena costituita nell'ambito al Comitato Fitosanitario Nazionale possa trovare nel tempo una soluzione, il sottosegretario ha rassicurato che il "ministero delle Politiche agricole si attiverà per valutare i danni stimati in campo e per cercare di sostenere le imprese più colpite". Il Crea si è già impegnato con i suoi Centri di ricerca ad intraprendendo diverse sperimentazioni per ottimizzare alcune tecniche agronomiche, ma le precise relazioni che intercorrono tra i parametri ambientali e quelli biotici (funghi e batteri) sono ancora sconosciute e necessitano di studi approfonditi. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Muoversi a Roma



    Modifica consenso Cookie